Gandhi-Tagore-Comunicazione

Comunicazione

Alla base di qualsiasi relazione, quindi di ogni comunicazione, c’è sempre un essere umano, con i suoi pregi e difetti. C’è un individuo che noi dobbiamo avvicinare e informare, con umiltà ed efficienza. C’è una donna, un uomo da convincere democraticamente alla ricezione, alla fiducia e, solo successivamente, alla reazione che ci aspettiamo.

Spesso chi comunica dimentica di esaminare preventivamente chi sarà il destinatario del messaggio o trascura di personalizzarlo: si preoccupa di più delle parole, della “bella figura” che esse gli faranno fare, che delle relazioni umane che il messaggio riuscirà a generare nel ricettore.
Chi comunica dimentica spesso uno dei principali doveri di colui che trasmette: conoscere il pubblico al quale si rivolge, allo scopo di personalizzare il messaggio, umanizzarlo e renderlo adeguato alla ricettività del suo destinatario.

Non potranno mai esserci buone comunicazioni senza buone relazioni e viceversa.

Cosa si intende per relazioni? Le relazioni sono una serie di “rapporti” umani, uniti da una sistematica continuità.

Le relazioni “pubbliche”.
Il “pubblico” è costituito da un gruppo di persone unite, momentaneamente o permanentemente, attorno un determinato interesse comune. Dal momento che il pubblico è costituito da persone, personale dev’essere la forma di comunicazione.

Le relazioni “sociali”.
Il “sociale” è costituito da persone che orientano reciprocamente le loro azioni. Costituisce il loro interesse e la tendenza nell’agire reciproco per distinzione da ciò che sta nei singoli individui. Ne deriva una relazione più definita e strutturata di quella pubblica.

Le relazioni debbono servire a instaurare una serie di contatti aventi una finalità precisa: la costruzione di relazioni attraverso colloqui sistematici basati sulla reciproca comprensione, fiducia e cooperazione. Le buone relazioni sono costruire, mantenute e sviluppate attraverso contatti costanti di reciproco interesse e soddisfazione.

Per il marketing è tanto importante il pubblico di oggi, i Clienti effettivi, ma per un esperto di programmazione il peso delle opinioni, Clienti potenziali, è anche più importante. Dipenderà anche da questo il buon futuro di una attività.